salta al contenuto

Asseverazioni di traduzioni

Pagina aggiornata al 05/10/2021

COS'E'

L’asseverazione (giuramento della traduzione di un documento) viene richiesta in tutti i casi in cui è necessaria una attestazione ufficiale da parte del traduttore circa la corrispondenza del testo tradotto a quanto presente nel testo originale. Il traduttore si assume la responsabilità di quanto tradotto firmando un verbale di giuramento.

NORMATIVA

Art. 5 R.D. n.1366 del 9-10-1922 semplificazione dei servizi di cancelleria e segreteria – D.M. 04-01-1954.pdf (Cat. 22) - traduzioni di lingue straniere –R.D. del 20-09-1934 n.2011 (art.32 categorie periti e interpreti presso la camera di commercio).

CHI PUO' RICHIEDERLA

Il traduttore, che può essere sia persona iscritta agli albi del Tribunale e della Camera di commercio che persona non iscritta, ma diversa dall'interessato e che non sia ne parente ne affine dello stesso, deve presentarsi personalmente allo sportello dell’ufficio con un valido documento di identificazione.

QUANDO

LUNEDI    dalle ore 9.00 alle ore 13.00 presso il Giudice di Pace di Legnago; 

MARTEDI dalle ore 11 alle ore 13  presso il Tribunale di Verona, su appuntamento da prenotare online
Gli APPUNTAMENTI si prenotano sul sito del Tribunale di Verona -->Volontaria Giurisdizione -->Asseverazioni.

MERCOLEDI dalle ore 9,00 alle ore 13,00 presso Giudice di Pace di Legnago;

 

DOVE

Giudice di Pace di Legnago con sede: a Cerea in Via Libertà n. 55 (entrata in auto con parcheggio da via Oberdan n. 8, presso uffici area Expo). - Responsabile dott. Giorgio PASSARIN  - tel. 0442.1880023,  email gdp.legnago@giustizia.it.

Tribunale di Verona - Corte Zanconati n. 1 - piano terra Sportello n. 1

Per comprovate urgenze: con appuntamento telefonando al 045 8084115

COME SI SVOLGE

Per asseverare una traduzione occorre:

  • rilegare insieme tutti i documenti nel seguente ordine:
    1. testo che viene tradotto,
    2. traduzione,
    3. modulo di giuramento disponibile sul sito​
  • Depositare presso l’ufficio:
    1. copia della prima pagina della traduzione (non è necessario depositare una copia dell’intera traduzione)
    2. copia del verbale di asseverazione con i dati anagrafici  e la residenza

NOTA BENE

Ogni traduzione deve riportare, sull’ultima pagina, prima del verbale di giuramento, la data in cui è stata redatta la traduzione e la firma del traduttore; la firma da apporre sul verbale di giuramento va apposta in presenza del cancelliere.

Nel caso in cui venga omessa la traduzione di alcune parti del documento si deve specificare esattamente prima della traduzione e nella stessa lingua quali parti non sono state tradotte.

Si ricorda che, per consentire le operazioni di riconoscimento, è necessario utilizzare un documento di identificazione valido ed originale che riporti l’indicazione della residenza attuale. I cittadini extracomunitari devono riportare sul verbale di giuramento anche gli estremi di permesso di soggiorno (numero identificativo, data di rilascio e di scadenza, autorità rilasciante) che deve essere esibito in originale.

Se la perizia o la traduzione devono essere trasmesse all’estero è necessario legalizzare la firma del cancelliere alla Procura della Repubblica presso il Tribunale.

COSTI

Apporre le marche da bollo da € 16,00 a partire dalla prima pagina della traduzione. Si ricorda che le marche vanno apposte, in ogni caso ogni 4 facciate (anche di una riga ciascuna) e, comunque, ogni 100 righe (indipendentemente dal numero delle pagine). Nel calcolo delle pagine va considerato anche il verbale di giuramento.

NB l'attività di asseverazione delle traduzioni innanzi al cancelliere è assoggettata al versamento dell'imposta di bollo, anche nel caso in cui la traduzione giurata o l'asseverazione abbia ad oggetto certificati rilasciati all'estero in materia di stato civile o anche rilasciati dallo Stato italiano ma da tradurre in lingua straniera.
Circolare del Ministero della Giustizia m_dg.DAG.29/09/2021 n. 195344

TEMPI

La traduzione viene immediatamente riconsegnata in originale all’interessato.