salta al contenuto

Ricerca altre vendite

Cosa
Procedura
Anno
 
 
Annunci
La ricerca ha prodotto 8 risultati

Inviti ad Offrire

Fallimento 99/2013

Curatore Dott.ssa Marina Cesari
Giudice LUIGI PAGLIUCA

                                INVITO AD OFFRIRE

 

Si rende noto che il Giudice Delegato Dr. Luigi Pagliuca ha disposto la vendita senza incanto dei beni del Fallimento 99/2013 R.F. di seguito descritti:
Fabbricato e terreno siti in Sona (VR), via Verona n.12
Il fabbricato è adibito ad uffici, magazzino, centro di esposizione, produzione, assemblaggio e spedizione ed è diviso in due zone collegate tra loro da un percorso pedonale protetto da un tunnel trasparente. Il terreno confina direttamente con il fabbricato di cui sopra e risulta incolto.

La vendita avverrà in un unico lotto al prezzo base di € 890.000,00.
Le offerte, non inferiori al prezzo base, dovranno pervenire in busta chiusa da depositare presso lo studio del Curatore Fallimentare dott.ssa Marina Cesari, Via dei Mutilati 3 (VR), entro le ore 12.00 del 22.11.2018, unitamente ad assegno circolare NT intestato a Fallimento 99/2013 – Tribunale di Verona, pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione.

 

 

Per informazioni Dott.ssa Marina Cesari, Verona, Via dei Mutilati, 3, tel. 045/2428958, e-mail: marina.cesari@studiocesari.net.

Data Pubblicazione: 17/10/18

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Inviti ad Offrire

Fallimento 102/2014

Curatore Rag. Giovanna Borella
Giudice Dott. Silvia Rizzuto

AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE AD OFFERTA MIGLIORATIVA

I beni sono posti in vendita con la forma della "offerta migliorativa" nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano. La descrizione dei beni è puramente indicativa e sintetica; per maggiori informazioni si rimanda alla perizia di stima redatta dall'ing. Luigi Cipriani di Verona, depositata
nel fascicolo della procedura ed a disposizione del curatore.
Beni posti in vendita: in Legnago (VR) per la somma complessiva offerta di € 110.000,00 oltre imposte, come per legge.

LOTTO 1
in Legnago (VR) - abitazione con autorimessa - fg. 23 - part. 798, consistenza 109 e 20 mq - valore di stima € 62.500.
Termine proposte acquisto : 16/11/18 

prezzo base: 55.000,00 Euro

 

 

LOTTO 2
in Legnago (VR) - abitazione con autorimessa - fg. 23 - part. 796 consistenza 109 e 20 mq - valore di stima € 62.500
Termine proposte acquisto : 16/11/18 

prezzo base: 55.000,00 Euro

 

Le offerte migliorative rispetto al prezzo già offerto, dovranno pervenire presso lo studio del Curatore, in Rigaste san Zeno, n.25 - 37123 Verona, entro 30 giorni dalla pubblicazione unitamente ad A/C non trasferibile intestato al Fallimento, nella misura del 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione,

 

Per maggiori informazioni o eventuali sopralluoghi, contattare il curatore al numero 045/9690450 o via mail all'indirizzo g.borella@braviassociati.com.

 

Data Pubblicazione: 16/10/18

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Beni Mobili

FALLIMENTO: 41/ 17                                                    LOTTO I.V.G .. 1427
GIUDICE DELEGATO: BRESSAN DOTT. FEDERICO
CURATORE:BRUGNOLIAVV.MARIANNA
                           AVVISO D'ASTA
A norma dell'art. 490 c.p.c. in esecuzione del provvedimento emesso dal Signor Giudice Delegato ai Fallimenti, il sottoscritto Istituto Vendite Giudiziarie
                               RENDE NOTO
Che il giorno 14/ 11/2018 alle ore 11:00 in DOLCE' (VR), VIA PASSO DI NAPOLEONE 372 si terrà la vendita dei seguenti beni.
- ORE 09:30 RITROVO PER LA VISIONE IN VIA PASSO DI NAPOLEONE N. 372 DOLCE' (VR).                                    SI RACCOMANDA LA PUNTUALITA' IN QUANTO I BENI SONO SITUATI IN PIU' POSTI.
- VISIONE DEI BENI SI TERRA' ANCHE IL GIORNO 09/11/2018 SOLO PREVIO SU APPUNTAMENTO DA RICHIEDERE VIA MAIL A fallimenti@ivgverona.com
- CONDIZIONI PER IL RITIRO E CAUZIONI A GARANZIA
I BENI DOVRANNO ESSERE RITIRATI DAGLI ACQUIRENTI ENTRO E NON OLTRE IL 14 MAGGIO 2019 CON I PROPRI MEZZI E COMUNICANDO A QUESTO IVG I NOMINATIVI DEGLI INCARICATI AL RITIRO DEI BENI.
PRIMA DI INIZIARE LE OPERAZIONI DI ASPORTO GLI ACQUIRENTI DOVRANNO DEPOSITARE PRESSO IVG UN ASSEGNO CIRCOLARE INTESTATO A "FALLIMENTO MARMI E GRANITI VOLARGNE SRL" DI€ 5.000,00 PER OGNI LOTTO ACQUISTATO QUALE GARANZIA PER IL RISPETTO

LOTTO Unico BENE N. 304
lastre di granito di varie tipologie, misure, spessori e qualità
Data asta : 14/11/18 ore 11:00
Prezzo base asta : 114.864,00

 

 

LOTTO Unico BENE N. 303
lastre di marmo di varie tipologie, misure, spessori e qualità
Data asta : 14/11/18 ore 11:00
Prezzo base asta : 77.200,00

 

 

LOTTO Unico BENIN. 12, N. 13, N. 18, N. 18A
MACCHINE PER LA LAVORAZIONE DEL MARMO
Data asta : 14/11/18 ore 11:00
Prezzo base asta : 4.240,00

 

 

LOTTO Unico BENI DAL N. 215 AL N. 240
attrezzatura e arredamento da ufficio
Data asta : 14/11/18 ore 11:00
Prezzo base asta : 1.160,00

 

 

LOTTO Unico BENIN. 20, DAL N. 290 AL N. 300, N. 307, N. 308, N. 310, N. 311
materiale vario quale pavimenti, marmette, zoccolini, filagne e semilavorati in marmo varie tipologie e misure
Data asta : 14/11/18 ore 11:00
Prezzo base asta : 44.000,00

 

 

LOTTO Unico BENIN. 305, N. 306, N. 309, N. 312, N. 312A
blocchi di marmo
Data asta : 14/11/18 ore 11:00
Prezzo base asta : 36.000,00

 

 

LOTTO Unico BENIN. 1, DAL N. 4 AL N. 8, DAL N. 15 AL N. 17, N. 19, N. 21, N. 22, N. 23, N. 30, N. 32, N. 33
Macchine e attrezzature varie per la lavorazione del marmo
Data asta : 14/11/18 ore 11:00
Prezzo base asta : 17.580,00

 

 

 

 

 

Data Pubblicazione: 11/10/18

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

Beni Mobili

Fallimento 79/2016

Curatore Dott. Stefano Romito
Giudice Dott. Pier Paolo Lanni

 

LOTTO 1
Si rende noto che con provvedimento del 17/09/2018 il Giudice Delegato Dott. Pier Paolo Lanni, ha autorizzato il Curatore del “Fallimento Perlini Equipment Spa R.F. 79/2016 Tribunale di Verona a rendere noto che è pervenuta alla procedura offerta di acquisto di struttura ferrosa ubicata all’interno del compendio immobiliare, ubicato in San Bonifacio (VR) – Via Villanova n. 75 –, insistente sui terreni contraddistinti al NCT di detto Comune, al foglio 23 – m. n. 819-819- 820. La sopra citata struttura, da intendersi quale “bene mobile” è descritta nella relazione datata 24.04.2018 a cura del geom. Gianluca Bastianello cui si rinvia. La cessione della struttura avverrà a un prezzo di Euro 6.700,00, prezzo che tiene conto delle necessarie spese di demolizione del manufatto e di smaltimento dei materiali che lo compongono, adempimenti a carico dell’Aggiudicatario.

L’offerta irrevocabile di acquisto pervenuta risulta pari a Euro 6.700,00=, senza addebito Iva, ex art. 74 – comma 7 – e 8 DPR 633/72 (cessione in regime reverse charge). Ciò premesso, Si Invita ogni potenziale interessato a formulare offerte scritte migliorative da far pervenire in busta chiusa entro e non oltre il giorno 24.10.2018 ore 12.00 presso lo studio del Curatore, l’orario di apertura al pubblico dello studio è dal Lunedì al Venerdi dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00.

L’apertura delle buste avverrà davanti al curatore il 24.10.2018 alle ore 12:30 alla presenza degli offerenti.


Data asta : 24/10/18 ore 12:30
Prezzo base asta : 6.700,00

 

 

Ulteriori informazioni presso il Curatore Dott. Stefano romito, con studio in Verona, Via A. Locatelli n. 1, tel 045/8033058, romito@assostudio.com.

 

 

Data Pubblicazione: 02/10/18

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

Inviti ad Offrire

Concordato Preventivo 34/2012

Liquidatore Giudiziale Dott. Davide Zenaro
Giudice Dott. Federico Bressan

 

LOTTO 1
Parco acquatico che occupa un'estensione pari a circa 112.000 mq e ricomprende al suo interno i seguenti terreni e identificati presso il Comune di Inzago (Ml) al: Foglio 12: Particella 114 di 35.190 mq seminativo irriguo Cl. 2; Foglio 12: Particella 116 di 24.495 mq seminativo irriguo Cl. 2; Foglio 16: Particella 1 di 24.450 mq, cava; Foglio 16: Particella 4 di 930 mq, bosco ceduo Cl. U; Foglio 16: Particella 5 di 11.820 mq, prato irriguo, Cl. 2; Foglio 16: Particella 6 di 98 mq, fabbricato rurale; Foglio 16: Particella 22 di 17.290 mq, seminativo irriguo, Cl. 2; Foglio 16: Particella 75 di 5.350 mq, seminativo irriguo, Cl. 2; Foglio 16: Particella 194, sub 2 (ora sub 704), fabbricato Cat. D/8; Foglio 16: Particella 194, sub 704, fabbricato Cat. D/8. Lo stesso Parco è dotato di un'ampia vasca natatoria, di tre lunghi scivoli, di numerose piscine (una di approdo degli scivoli, una con fondo basso denominata "Laguna" ed una denominata "Fiume lento"), di una vasca idromassaggio nonché di alcune spiagge artificiali e di un piccolo lago di acqua sorgiva. Esso è inoltre dotato di numerose attrazioni sportive e di intrattenimento oltre che di un parcheggio esterno con capacità di circa 2.500 utenti al giorno.
Termine proposte acquisto : 31/10/18 ore 12:00
Prezzo base asta : 3.958.000,00
Rilancio Minimo : Euro 10.000,00

 

 

LOTTO 2
Terreno che occupa una superficie complessiva di circa mq 174.000 catastalmente identificato presso il comune di Inzago (Ml) al: Foglio 12: Particella 114 di 35.190 mq seminativo irriguo Cl. 2 (quota parte); Foglio 12: Particella 116 di 24.495 mq seminativo irriguo Cl. 2 (quota parte); Foglio 12: Particella 117 di 155 mq seminativo irriguo Cl. 2; Foglio 12: Particella 118 di 805 mq bosco ceduo Cl. U; Foglio 12: Particella 119 di 45 mq bosco ceduo Cl. U.
Termine proposte acquisto : 31/10/18 ore 12:00
Prezzo base asta : 3.000.000,00
Rilancio Minimo : Euro 10.000,00

 

 

Le offerte, non inferiori al prezzo base, dovranno essere redatte su carta da bollo da € 16,00 e depositate in busta chiusa presso l'indirizzo del Liquidatore Giudiziale del Concordato TVR srl dott. Davide Zenaro - Via G. Giardino, 5, 37126 Verona, oppure via PEC:
davidezenaro@odcecverona.it. entro le ore 12:00 del giorno 31.10.2018, unitamente ad un assegno circolare non trasferibile intestato al "Concordato TVR srl CP 34/2012", a titolo di cauzione, nella misura del 10% del prezzo offerto; la cauzione sarà restituita all'offerente che non diventi aggiudicatario.
 
Deve essere allegata alla domanda la seguente documentazione: documento di identificazione dell'offerente (carta d'identità o, se trattasi di società o ditta individuale, anche certificato camerale in corso di vigenza); codice fiscale; numero di partita IVA, stato civile e indicazione del regime patrimoniale in caso di persona fisica (specificando, qualora sia in regime di comunione legale se intende acquistare a titolo personale o in comunione con il coniuge); procura notarile, in caso di partecipazione a mezzo procuratore legale.
In presenza di più offerte si procederà immediatamente ad una gara informale tra gli offerenti, partendo dall'offerta più alta con rilancio minimo obbligatorio di€. 10.000,00; il tempo per i rilanci è fissato nell'ordine di un (1) minuto; nell'ipotesi in cui vengano presentate più offerte uguali e valide,
ove nessuno degli offerenti intenda partecipare alla gara, i lotti saranno aggiudicati all'offerta depositata per prima presso lo Studio del dott. Zenaro. L'aggiudicatario dovrà corrispondere il saldo del prezzo offerto entro il termine di sessanta giorni dall'aggiudicazione, dedotta la cauzione già prestata,
mediante assegno circolare intestato al "Concordato TVR srl CP 34/2012" da depositare presso lo Studio del dott. Zenaro.
Il Parco ed il Terreno saranno ceduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano.
Le imposte e le spese tutte, comprese quelle per la cancellazione di ipoteche ed altri oneri, nonché eventuale sanatoria, sono a carico
del l'aggiudicatario.
La cancellazione delle iscrizioni e trascrizioni pregiudizievoli avverrà ai sensi dell'art. 108 L.F. previa emissione da parte del G.D. di decreto che ordini la
cancellazione dei gravami iscritti e che verranno individuati dal Notaio rogante.
Per ogni ulteriore informazione, gli interessati potranno rivolgersi al Liquidatore Giudiziale del Concordato TVR srl dott. Davide Zenaro - Via G.
Giardino, 5, 37126 Verona - tel. 045/4680347 - mail davide.zenaro@studiozenaro.com

 

 

Data Pubblicazione: 03/09/18

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Composizione crisi da sovraindebitamento

Composizione crisi da sovraindebitamento 31/2017

Gestore Dott. Edda Sebastiano
Giudice Dott. Silvia Rizzuto


Il Giudice dott. Silvia Rizzuto Tribunale di Verona Sezione Il civile premesso. che il sig. Stefano Zanella nel corso del 2017 ha presentato la proposta di un accordo di ristrutturazione di composizione della cri.si da sovraindebitamento ai sensi dell'art. 7 comma 1 legge 3/2012 cpo l'a_!J.811io con l'ausilio del professionista incaricato dott. Edda Sebastiano al fine di svolgere le funzioni di organismo di composizione della crisi che l'accordo presentato aveva ottenuto la maggioranza del 100% dei creditori falcidiati che con provvedimento del 22.11 .2017 l'accordo è stato omologato con incarico all'organismo di composizione della crisi di procedere alla liquidazione e di controllare l'adempimento delle obbligazioni assunte; - che con istanza del 25.5.2018 il signor Zanella ha comunicato che l'esecuzione dell'accordo era divenuto impossibile in quanto. nelle more dell'omologazione. era decorso il termine di efficacia dell'offerta di acquisto dell'immobile al prezzo di € 256.000,00 e che la nuova offerta pervenuta al prezzo di € 230.000 non consente di rispettare le percentuali di soddisfazione previste nell'accordo omologato e in particolare i pagamenti dovuti alle pubbliche amministrazioni ed agli entri gestori di forme di previdenza ed assistenza obbligatoria ed ha quindi istanza di conversione ex art. 14 quater 1. 3/12 ritenuto - che sussistono i presupposti per la conversione della procedura di composizione della crisi in quella di liquidazione atteso che l'accordo non ha potuto avere esecuzione per la scadenza dell'offerta di acquisto dell'unico bene dell'istante: che l'offerente non ha rinnovato l'offerta né sono stati trovati diversi acquirenti al prezzo indicato nel piano; che pertanto l'accordo così come predisposto non ha potuto avere esecuzione con particolare riferimento ai pagamenti alle amministrazioni pubbliche e agli enti gestori di forme di previdenza (pagamento integrale del debito verso INPS in unica soluzione con il ricavato dell'immobile entro il termine di otto mesi dall'omologa). che pertanto va dichiarata aperta la procedura di liquidazione, con nomina quale liquidatore della dott. Edda Sebastiano in possesso dei requisiti di cui all'art 28 legge fai!; - ritenuto che il provvedimento ex art. 14quinquies, c.2 lett. b legge 3/12 di inibitoria e sospensione delle azioni esecutive e cautelari, nonché dell'acquisizione di diritti di prelazione sul patrimonio oggetto di liquidazione debba essere emesso con efficacia sino al momento in cui diverrà definitivo il futuro provvedimento di chiusura della procedura ex art 14novies. Invero il dato normativo. laddove prevede che detta efficacia debba essere prevista "sino al momento in cui il provvedimento di omologazione diventa definitivo è evidentemente frutto di errore commesso nella redazione della disposizione, atteso che un tale provvedimento di omologazione non è contemplato nell'ambito della procedura di liquidazione. Pertanto, per dare un senso alla norma e consentirle di perseguire lo scopo suo proprio (proteggere il patrimonio del debitore dalle iniziative esecutive e cautelari individuali per tutta la durata della liquidazione), deve necessariamente ritenersi che l'efficacia del provvedimento di inibitoria e sospensione in questione debba perdurare sino alla chiusura della procedura (in tal senso. cfr Trib. Verona 7.7.16 est. Platania e Trib Milano 16.11.97 est Macripò); - visto l'art. 14 quinquies L. n. 3/2012                                                    P.Q.M.

1. dichiara aperta la procedura di liquidazione del patrimonio di Zanella Stefano; 2. nomina liquidatore la dott. Edda Sebastiano: 3. dispone che, sino al momento in cui il provvedimento di chiusura ex art.14 novies comma 5, non sarà definitivo, non possano , sotto pena di nullità, essere iniziate o proseguite azioni cautelari o esecutive né acquistati diritti di prelazione sul patrimonio oggetto di liquidazione da parte dei creditori aventi titolo o causa anteriore al presente decreto: 4. dispone che, a cura del liquidatore. dell'istanza di conversione e del decreto sia data pubblicità mediante pubblicazione sul sito web del tribunale o su altro sito web a scelta del liquidatore, nonché mediante annotazione nel registro delle imprese;5. dispone, sulla scorta della documentazione allegata all'accordo, che il reddito mensile del debitore venga messo a disposizione della liquidazione limitatamente all'importo di € 1.040,00; 6. ordina al liquidatore di procedere alla trascrizione del presente decreto nei registri immobiliari, in relazione ai beni di proprietà del ricorrente ed oggetto di liquidazione; 7. dispone che nel termine di trenta giorni il liquidatore predisponga una relazione sulla situazione familiare e patrimoniale del ricorrente con l'elenco dei creditori al fine di aggiornare i dati per la determinazione della percentuale del reddito mensile da mettere a disposizione della liquidazione, di adottare le misure adeguate in relazione alla consegna dell 'immobile oggetto di liquidazione e alle modalità di versamento dello stipendio.

 

 

 

 

 

Data Pubblicazione: 01/08/18

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Concordati Preventivi

Concordato Preventivo 10/2009

Liquidatore Giudiziale Dott. Giulio Gastaldello
Giudice Dott. Silvia Rizzuto

 

LOTTO Unico
Il sottoscritto, in qualità di Liquidatore Giudiziale della procedura di Concordato Preventivo n. 10/2009 RG Tribunale di Verona, dovendo procedere alla vendita dei beni immobili di proprietà della società sottoposta alla procedura di concordataria ed in particolare di: Lotto di terreno della superficie di mq. 9.353 con insistente capannone artigianale con uffici, della superficie di mq. 5.308, situati in Sona (VR) Via Val di Sandrà 5, così identificati catastalmente: Catasto Fabbricati – Comune di Sona, fg 12, mapp. 235 sub 3, categoria D/1, rendita € 19.814,00. Catasto Terreni – Comune di Sona, fg 12, mapp. 235, qualità ente urbano, superficie catastale 9.353 mq. PAT Sona – area interessata a incremento di volumetria con trasformazione in residenziale/commerciale.

INVITA

Eventuali potenziali acquirenti a formulare per iscritto le loro migliori offerte per l’acquisto del bene sopra descritto, che sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, per un prezzo non inferiore a € 790.000,00 (valore di stima 1.750.000,00/1.800.000,00) da pagarsi entro 60 giorni dalla accettazione dell’offerta da parte del Tribunale con le modalità che saranno successivamente indicate. L’offerta dovrà avere validità non inferiore al 31 marzo 2019 e dovrà essere cauzionata per un importo pari al 10% del valore offerto in assegni circolari non trasferibili intestati alla procedura “Euroduto S.p.A.” Le proposte di acquisto cauzionate dovranno pervenire in busta chiusa da depositare presso lo Studio del Liquidatore Giudiziale dott. Giulio Gastaldello ubicato in Verona Lungadige Sammicheli n. 3 entro e non oltre il giorno 30 novembre 2018, alle ore 12,00. EURODUTO SPA in Concordato Preventivo – N. 10/2009 C.P. Decreto di ammissione del 13.04.2010 (dep. 14.04.10) Giudice Delegato: Dott.ssa Silvia Rizzuto Commissario Giudiziale: Avv. Dario Finardi Liquidatore Giudiziale: Dott. Giulio Gastaldello L’aggiudicatario potrà avvalersi della facoltà di versare il prezzo ratealmente ed entro un termine non superiore a dodici mesi; in questa ipotesi, l’immissione in possesso del bene potrà avvenire a condizione che sia prestata una fideiussione di primario istituto bancario, autonoma, irrevocabile e a prima richiesta, per un importo pari al prezzo di aggiudicazione meno quanto già versato in conto prezzo. Il presente avviso non comporta alcun obbligo da parte della procedura nei confronti degli offerenti, riservandosi la procedura stessa, in qualsiasi momento ed a proprio insindacabile giudizio e senza obbligo di motivazione, di non accettare le offerte pervenute. Tutti gli oneri e le spese di trasferimento, comprese quelle notarili, saranno a carico dell’acquirente. Eventuali informazioni possono essere reperite presso il Liquidatore Giudiziale dott. Giulio Gastaldello, L.ge Sammicheli n. 3, Verona tel 045.800.82.03 – fax 045.59.32.66 – mail: giulio@studiogastaldello.it
Termine proposte acquisto : 30/11/18 ore 12:00

 

 

 

 

 

Data Pubblicazione: 04/07/18

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.

 

Composizione crisi da sovraindebitamento

Composizione crisi da sovraindebitamento Montanari Alessandro 13/2018

Liquidatore Dott. Erik Rambaldini
Giudice Dott. Luigi  Pagliuca

 

Il G.D., Dott. Luigi Pagliuca ha pronunciato il seguente Decreto
Nella procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento n.13/2018 relativa all'istanza presentata in data 9.4.2018

Rilevato che la domanda soddisfa i requisiti di cui all' art.14 ter legge citata ed è corredata della documentazione di cui all'art.9, della relazione particolareggiata dell'O.C.C. e dell'inventario dei beni; 

P.Q.M.
Dichiara aperta la procedura di liquidazione del patrimonio ex artt.14 ter e segg. legge 27.1.2012 n.3

VEDASI ALLEGATI

 

 

 

 

 

Data Pubblicazione: 20/04/18

 

 

Documentazione disponibile:

Documenti in formato Pdf.
I link alla documentazione si aprono in una nuova finestra e potrebbero non essere conformi alla Legge 4/2004.